Il Blog di Viaggi di Marco

I miei racconti

24

Mar

Maceio – il più bel lungomare del Brasile

A mio avviso Maceio è la città brasiliana col più bel lungomare di tutto il paese, lungomare che in Brasile chiamano beira mar. Quando faccio questa affermazione mi riferisco al colore dell’acqua del mare, alle sue spiagge, alle palme che le lambiscono ed alla veduta d’insieme che tutti questi fattori le regalano. In un certo senso direi che se dovessimo assegnare degli oscar Maceio vincerebbe l’oscar per la fotografia perchè il colpo d’occhio del suo lungomare a mio avviso non lo regala nessuna altra città brasiliana. Di conseguenza la prima cosa che salta agli occhi è l’impressione di non essere in una città dal mare oceanico. Poi per carità non è tutto oro quel che luccica. Il mare ed il paesaggio sono forse più da fotografia che da reale paradiso terrestre. L’acqua non è poi così limpida come sembra e la sabbia non così candida e pura. Ma rimane comunque un lungomare molto bello.

La spiaggia di Ponta Verde

Se cercate informazioni in rete su Maceio vi imbatterete probabilmente in statistiche che vedono la città ai primi posti per tasso di omicidi e crimini. Devo dire che ho avuto più di un’occasione di girarla in lungo e in largo anche per quartieri decisamente poco raccomandabili (la mia ex moglie viveva a Vergel do Lago che è considerato uno dei quartieri più pericolosi della città) e non ho mai avuto il benchè minimo problema. Con questo dico di girare tranquilli e sereni ovunque ? Assolutamente no, ma se rispetterete le norme base di un viaggiatore esperto e attento, ossia nessun orologio di valore, smartphone o valori in bella vista e non cercherete guai ben difficilmente i guai cercheranno voi. Ovviamente siamo in Brasile quindi livello di attenzione sempre alto.

Beira Mar di Maceio

Il lungomare di Maceio si concentra sostanzialmente in tre aree: Jatiuca a nord, Ponta Verde al centro e Pajuçara a sud. Jatiuca ha una bella spiaggia ampia e con fondale più profondo e si fonde a sud con Ponta Verde. Ponta Verde è il quartiere In della città con bei condomini ed una spiaggia con fondale più basso. All’apice della penisola di Ponta Verde c’è l’Antigo Iate Club da Ponta Verde, che sarebbe un posto spettacolare ma che ormai è solo un rudere. Superato l’ex Yacht Club si scende per un lungo rettilineo con qualche bel locale dove godersi ottime caipirinhas. Qui l’acqua del mare è calma ma spesso ci sono alghe che disturbano il bagno. Alla fine di Ponta Verde c’è la spiaggia, ed il quartiere, di Pajuçara. Pajuçara è conosciuta per il suo bel mercatino dell’artigianato, dove troverete ogni tipo di souvenir caratteristico, e soprattutto per le sue belle jangadas che vi porteranno alle piscine naturali. Le piscine sono una grande secca a circa 2 km al largo di questa spiaggia dove i jangadeiros vi porteranno e dove potrete fare il bagno con l’acqua alta circa un metro. Vi verranno serviti cocktail e gamberi se vorrete e vi assicuro che fare tutte queste cose, bagno compreso ovviamente, a 2 km da riva in un’acqua calda e trasparente un certo effetto ve lo farà.

La spiaggia di Pajucara

Un tempo, ossia quando a circa 20 km a nord vi era il Ventaclub Pratagy e di conseguenza volo charter da milano diretto, venire a Maceio dall’Italia era decisamente più semplice e conveniente. Oggi occorre volare su Rio o San Paolo (o su Salvador se trovate un volo a buon prezzo) e prendersi un altro volo per Maceiò che dal sud del paese non è proprio dietro l’angolo. Per questo vi dico che se avete avuto la pazienza e la fortuna di arrivare fino qui non dovete fermarvi solo alla città (soprattutto evitate come la peste il caotico e decisamente poco interessante centro città).

Paripueira

C’è molto da vedere nei paraggi. Se andrete a nord troverete il paesino di Paripueira che ha belle ed ampie spiagge con rii che riversano acqua spesso calda in mare. Poco prima di Paripueira troverete invece le belle spiagge di Ipioca. Anche qui mare oceanico e immense spiagge. Attenzione ovviamente alle onde e alle correnti.

Ipioca

Se invece andrete a sud troverete la spiaggia più famosa ed in voga fra gli abitanti (quindi evitate di andarci nel weekend !) Praia do Frances (35 km). Qui la spiaggia è protetta da una sorta di barriera naturale rocciosa che rende il mare estremamente calmo ed adatto al bagno. Ci sono molti bar/ristoranti che affittano lettini…che nella maggior parte dei casi sono in realtà le nostre seggiole da campeggio (cadeiras). Ancora più a sud, a una ventina di chilometri da Praia do Frances, trovate una vera meraviglia: Praia do Gunga. Prima di arrivare alla bella spiaggia di Gunga troverete un punto panoramico da cui godrete di una vista veramente notevole, una distesa quasi infinita di palme sotto i vostri occhi che raggiunge la spiaggia…veramente un colpo d’occhio spettacolare (foto del Titolo).

Praia do Frances

Sia che optiate per le belle spiagge cittadine che per quelle del nord o quelle del sud di Maceiò non negatevi alcuni piaceri notevoli: una ricchissima caipirinha (possibilmente al Maracujà) e del delizioso queijo coalho, spiedini di formaggio cotti su minuscole braci che venditori ambulanti vi offriranno un po’ ovunque. Normalmente vengono accompagnate da rosmarino o da miele….

A sud della città vi sono inoltre due punti molto caratteristici che a mio avviso meritano una visita. Pontal da Barra, praticamente la punta estrema a sud della città, che è un borgo di artigiani e pescatori a ridosso della foce della Lagoa Mundaù, e Massagueira, tranquillo paesino poco più a sud a ridosso di rii e lagune che ha fama di avere i migliori ristoranti di pesce di tutta l’Alalgoas. E posso garantire che è così.

Massagueira

Massagueira sembra sospesa nel tempo, pare di essere lontani centinaia di chilometri da qualsiasi città immersi in una natura rigogliosa e affacciati su un dedalo di fiumi e lagune che lasciano intravedere un gran numero di isole, visitabili con le escursioni proposte dai vari operatori locali. Visto che siete a Massagueira non potete evitare, ma questo vale per tutta Maceio e direi per tutto il nordeste, di farvi una scorpacciata di casquinha de siri, polpa di granchi mangiata direttamente dentro la loro corazza….spettacolare.

Casquinha de sirì

Per rimanere in tema culinario vi consiglio inoltre un posto veramente caratteristico a Maceio, la Bodega do Sertão. Questo divertente ristorante a chilo (tra poco vi spiego cosa vuol dire) è allestito in assoluto stile sertanejo e si rifà alla vita rurale dell’interno desertico Alagoano con personale rigorosamente vestito da cangaceiros (il cui massimo esponente è stato il famoso Lampião). Qui troverete la comida a chilo, tipica del Brasile. La comida a chilo, detta un po’ volgarmente, è una figata pazzesca.

Qui in particolare troverete una grande tavola rettangolare con ogni specialità locale, inclusi pesce e carne. Prenderete il vostro bel piatto, lo riempirete quanto vorrete e con quel che vi pare e prima di andarvi a risedere al vostro grezzo tavolozzo lo consegnerete ad una allegra donzella che ve lo peserà e vi segnerà sul fogliettino quanto poi dovrete pagare. Potete ripetere ovviamente il giro quante volte vi pare e fino a quando non ne potrete più, stesso discorso per i dolci. Generalmente il prezzo è veramente irrisorio rispetto a quanto avrete mangiato, ed è tutto ottimo. Siccome alla fine cominceranno a spuntarvi lacrime da coccodrillo per il troppo mangiare a quel punto non potrete fare a meno di chiedere un bel bicchierino di ottima Gabriela, il liquore tipico di Maceiò a base di cachaça, cravo e canela (chiodi di garofano e cannella).

Maceio, probabilmente poco conosciuta in Italia ed in Europa, è meta turistica di mare piuttosto ambita dai brasiliani benestanti del sud, quindi se cercate un gran bel posto un po’ al di fuori dai soliti giri blasonati brasiliani questo potrebbe fare al caso vostro. Bel mare, bei posti, ottimo mangiare e bere, bella gente…che volere di più ?

 

Post a Comment

Shares