Il Blog di Viaggi di Marco

I miei racconti

3

Gen

Koh Phangan

Nel mio ultimo viaggio in Thailandia a Koh Samui ho potuto colmare la lacuna di una visita più approfondita alla bella isola di Phangan. Visita approfondita che consiglio a tutti gli amanti del sudest asiatico di fare perchè qui troverete un’isola ancora selvaggia e allo stato puro nonostante la vicinanza con altre mete più caotiche e la comunque relativa popolarità (per altro dovuta quasi esclusivamente al Full Moon Party).

Koh Phangan può considerarsi a tutti gli effetti se non l’isola gemella di Samui sicuramente la sorella più piccola. Le due isole sono veramente vicinissime ed una per l’altra si vedono distintamente all’orizzonte. Arrivare a Phangan da Samui è assolutamente semplice ed economico. Ci sono vari punti d’imbarco e di arrivo in entrambe le isole. Considerando che la maggior parte dei turisti a Samui pernotta a Chaweng o Lamai sicuramente il  punto d’imbarco più comodo sono i vari moli in prossimità di Big Buddha, proprio dietro l’aeroporto. Gli altri, se si è alloggiati nelle summenzionate spiagge, sono più distanti. La Seatran, sicuramente il traghetto più conosciuto e rapido, a Phangan attracca come gli altri a Thong Sala che è la capitale dell’isola. Se però a Phangan alloggerete ad Haad Rin il mio consiglio è di prendervi il più vetusto ma efficiente Queen Ferry che parte sempre dal Buddha Pier ma arriva direttamente ad Haad Rin facendovi risparmiare il tragitto dalla piccola capitale (vi assicuro che una volta arrivati ad Haad Rin se volete potrete raggiungere tranquillamente il vostro hotel a piedi) e soldi considerando che costa la metà e non avrete il costo del taxi da Thong Sala. Il Queen Ferry impiega circa un quarto d’ora di più ma è quello che risparmiate in termini di tempo arrivando direttamente ad Haad Rin. Sia che optiate per una o per l’altra avrete ampie scelte sugli orari, uno per l’altro i ferry in linea di massima partono intorno alle 8.00, 13.00, 15.00 e 17.30 (tempo di percorrenza 30 o 45 minuti a seconda della vostra scelta).

Tramonto ad Haad Rin Nai

Veniamo ora alla scelta della spiaggia per il soggiorno. La prima distinzione va fatta sulla scelta del periodo in cui arriverete, ossia Full Moon Party/Half Moon Party o no party. E non è una differenza da poco. Durante i party l’isola, ma in realtà presumo solo la zona di Haad Rin, pare si riempa all’inverosimile. Ed è una tipologia di turisti che vivrà soprattutto la notte. Quindi rave party tutta la notte sulla spiaggia di Haad Rin Nok (quella a levante e decisamente la più bella). Ciò significa che se non siete qui per far casino, ubriacarvi e ballare tutta la notte ci sono altissime probabilità che non chiuderete occhio la notte se siete alloggiati in prossimità di questa spiaggia. Se invece venite, come abbiamo fatto noi, fuori party troverete la spiaggia di Haad Rin estremamente tranquilla, anche la notte. In entrambi i casi il mio consiglio è comunque di dormire nella meno bella (e tutto sommato nemmeno balneabile) spiaggia di Haad Rin Nai (quella verso ponente) dove godrete di pace e tranquillità e potrete comunque raggiungere la spiaggia gemella in pochi minuti a piedi. Probabilmente però, vista l’estrema tranquillità riscontrata da noi ad Haad Rin fuori Party (era però fine Aprile quindi non so se in altri periodi vi sia comunque più vita la sera) la vostra scelta giusta potrebbe essere anche quella di alloggiare in qualche altra spiaggia dove sarete immersi in scenari quasi da Cast Away….

Haad Khom – Coral Bay

Fatte queste doverose premesse facciamo un po’ di luce sulle spiagge dell’isola. Come presumibilmente già saprete la zona di Haad Rin (quella dei Party) si divide in tre spiagge: Haad Rin Nai, Haad Rin Nok e Leela Beach. La prima va bene solo ed esclusivamente per soggiornarvi, scordatevi di fare il bagno qui. Avrete comunque bei resort a prezzi davvero convenienti e tramonti spettacolari da fotografare. La seconda invece ci ha lasciati a bocca aperta con un mare davvero cristallino e stelle marine sotto i nostri piedi. La spiaggia è abbastanza ampia, in vari punti ampiamente ombreggiata dalle varie tipologie di alberi e con un’atmosfera tutto sommato molto rilassata (ripeto ancora una volta che sto parlando di periodo fuori Full Moon Party). L’acqua era davvero fantastica, fondale basso, come piace a me, e calda. Questa spiaggia si raggiunge dall’altro lato camminando tra i ristoranti ed i negozietti e la distanza direi che non supera i 600 metri. Leela Beach è invece un po’ più nascosta e riparata. Questa è la tipica spiaggia da cartolina. Anche nel senso che va bene quasi solo ed esclusivamente per essere fotografata poichè anche qui il bagno non vi risulterà così agevole visto il fondale estremamente basso e ricoperto di vegetazione marina e corallo. Probabilmente qui la soluzione migliore per il bagno è attraversare tutto il lungo pontile galleggiante modulare fino alla fine sostanzialmente superando la barriera corallina e raggiungendo un fondale profondo. Dall’altra parte della spiaggia col pontile inizia invece un bel camminamento sopraelevato in legno sulle rocce che porta a un piccolo resort. Questa passeggiattina è particolarmente godibile verso il tramonto e vi regalerà foto splendide.

Tramonto a Leela Beach

Se siete ad Haad Rin (ma direi che il consiglio vale anche per sistemazioni in altre spiagge) non potete evitare di noleggiare uno scooter (o una jeep) e di andare alla scoperta delle altre spiagge. E come detto prima se non siete appassionati di rave magari optare per una di queste come scelta per il vostro soggiorno. Le strade a Phangan sono particolarmente ripide quindi prestate sempre molta attenzione perchè alle volte la ripidità si associa a curve improvvise, soprattutto nel tratto che sale da Haad Rin verso nord.

Su internet troverete praticamente sempre che la più bella spiaggia dell’isola è Bottle Beach. A noi non ha fatto impazzire. Sicuramente bellissima spiaggia, naturalmente isolata (optate per arrivarci con lo scooter solo se siete sufficientemente esperti e in forze perchè un tratto ha una forte pendenza ed è estremamente malandato, se no veniteci con taxi boat da  Chaloklum Beach) ma il colore dell’acqua non è poi così trasparente come ci aspettavamo. Sarete comunque in totale relax, con ogni probabilità in compagnia di pochissimi turisti e potrete pranzare nei piccoli ristorantini dei pochi resort presenti sull’isola. Ribadisco a scanso di equivoci che stiamo comunque parlando di una spiaggia fantastica.

Bottle Beach

Decisamente molto più bella a noi è apparsa invece Haad Khom. Questa bellissima spiaggia è praticamente l’ultima raggiungibile dal versante di ponente salendo verso nord e si trova subito dopo la spiaggia di Chaloklum. Non è facilissimo trovarla perchè non ci sono indicazioni e la strada è leggermente rialzata. Sostanzialmente superata Chaloklum e dopo alcuni sali scendi troverete sulla vostra sinistra una stradina con un cartello che indica Coral Bay, scendete la strada e posteggiate il vostro scooter, la spiaggia vi si aprirà alla vostra destra. L’effetto che fa questa piccola baia è veramente abbagliante. Il primo tratto che incontrerete è caratterizzato da un fondale molto basso delimitato poco al largo da una sorta di barriera corallina.

Haad Khom – Coral Bay

Basterà che facciate poche centinaia di metri ed arriverete all’estremità opposta della spiaggia che invece non ha barriere davanti e seppur sempre con fondale molto basso regala un’acqua pura e cristallina. Lo scenario è impreziosito da una spiaggia selvaggia ricoperta di palme e con una sabbia bianca e candita. Presenti sulla spiaggia solo un paio di chioschi di legno a scopo bar ristorante ma veramente discreti e ben integrati con l’ambiente.

Haad Khom – Coral Bay

In fin dei conti ritengo che Koh Phangan sia ancora un’isola che permetta e stimoli il piacere della scoperta. Come detto il mio suggerimento è quello di noleggiare uno scooter e di scoprirla spiaggia dopo spiaggia tenendo presente che quelle sul versante di ponente sono molto simili e facilmente raggiungibili mentre quelle sul versante di levante, tranne le due spiagge gemelle di Thong Nai Pan, quasi tutte accessibili solo via mare. Tengo a precisare che la mia recensione su Phangan è fortemente influenzata da due fattori che non so se abituali o meno: il periodo di marea estremamente bassa ed un periodo dell’anno (fine Aprile/inizio Maggio) probabilmente non particolarmente affollato. Come però ampiamente detto non credo che al di fuori dei Full Moon Party (e probabilmente solo per Haad Rin) l’isola sia mai particolarmente affollata in nessun periodo dell’anno.

Haad Khom – Coral Bay

Informazioni Pratiche:

Trasferimento: Volo Oman Air fino a Bangkok (con cambio volo a Muscat) e coincidenza Bangkok Air per Samui – Costo: € 575 A/R finito

Haad Rin Queen Ferry – Samui/Phangan 45 minuti – Costo circa € 5,00

Hotel: Neptune’s Villa – € 20 a testa in camera doppia con prima colazione. Mia recensione su Tripadvisor:  Neptune’s Villa

Noleggio Scooter: Thai Baht 250 al giorno – circa € 6.50

Post a Comment

Shares